(troppo vecchio per rispondere)
spesometro: privati senza c.f.
Giulio
2012-04-26 16:17:00 UTC
Scusate, per le vendite a privati dei quali non si riesce più a recuperare il codice fiscale, come fate?
io mi invento il codice fiscale (metto solo nome e cognome e metto luogo e data di nascita a caso e mi genero il codice fiscale).
La trovate una soluzione suicida??
grazie
IlTrib
2012-04-26 16:29:32 UTC
Post by Giulio
Scusate, per le vendite a privati dei quali non si riesce più a recuperare il
codice fiscale, come fate? io mi invento il codice fiscale (metto solo nome e
cognome e metto luogo e data di nascita a caso e mi genero il codice
fiscale). La trovate una soluzione suicida?? grazie
e' sicuramente a pericolo di scarto successivo, in quanto se poi il cf
non esiste in anagrafica tributaria, viene scartato.
Giulio
2012-04-26 16:34:55 UTC
Post by IlTrib
e' sicuramente a pericolo di scarto successivo, in quanto se poi il cf
non esiste in anagrafica tributaria, viene scartato.
Hai ragione.
ma perdonami, è previsto un controllo dei codici fiscali in anagrafica tributaria?
io so che viene controllata l'esattezza formale dei codici fiscali, non se esistano davvero oppure no.

Tra l'altro si potrebbe usare come giustificazione che il cliente ha fornito una data di nascita e un luogo di nascita errati, non esistendo l'obbligo di verifica del documento di identità del cliente.
che stress
carloazeglio
2012-04-26 16:42:43 UTC
"Giulio" ha scritto
Post by Giulio
ma perdonami, è previsto un controllo dei codici fiscali in anagrafica tributaria?
io so che viene controllata l'esattezza formale dei codici fiscali, non se
esistano davvero oppure no.
Ad uno dei primi convegni sul tema, un relatore affermava che l'Agenzia
effettua solo il controllo formale senza incrociare i dati con l'anagrafe
tributaria.
--
carloazeglio
Acremone
2012-04-26 16:47:32 UTC
Post by carloazeglio
Ad uno dei primi convegni sul tema, un relatore affermava che l'Agenzia
effettua solo il controllo formale senza incrociare i dati con l'anagrafe
tributaria.
--
Se ho capito il senso, immagino che si tratti di un incrocio comunque
impossibile, dato che il soggetto non titolare di partita IVA nulla deve
trasmettere. Semmai mi aspetto qualche sortita sul redditometro: non
proverei a inventarmi il codice fiscale del cliente che ha acquistato il
classico orologio da €9.999,99!
carloazeglio
2012-04-27 07:33:15 UTC
"Acremone" ha scritto
Post by Acremone
Se ho capito il senso, immagino che si tratti di un incrocio comunque
impossibile, dato che il soggetto non titolare di partita IVA nulla deve
trasmettere. Semmai mi aspetto qualche sortita sul redditometro: non
proverei a inventarmi il codice fiscale del cliente che ha acquistato il
classico orologio da €9.999,99!
No no, intendevo proprio che l'Agenzia non verifica la reale esistenza del
codice fiscale, ma ne verifica soltanto la correttezza formale.
Per dire se inseriamo il Sig. PALLINO Pinco, nato a Roma il 01/01/1950, con
il codice fiscale PLLPNC50A01H501L, il sistema se lo pappa senza problemi...
:-)
--
carloazeglio
IlTrib
2012-04-27 21:12:15 UTC
Post by carloazeglio
"Acremone" ha scritto
Post by Acremone
Se ho capito il senso, immagino che si tratti di un incrocio comunque
impossibile, dato che il soggetto non titolare di partita IVA nulla deve
trasmettere. Semmai mi aspetto qualche sortita sul redditometro: non
proverei a inventarmi il codice fiscale del cliente che ha acquistato il
classico orologio da €9.999,99!
No no, intendevo proprio che l'Agenzia non verifica la reale esistenza del
codice fiscale, ma ne verifica soltanto la correttezza formale.
Per dire se inseriamo il Sig. PALLINO Pinco, nato a Roma il 01/01/1950, con
il codice fiscale PLLPNC50A01H501L, il sistema se lo pappa senza problemi...
:-)
leggi qua
http://snipurl.com/239bls2 (agenziaentrate.it)
il punto 3.3.1
carloazeglio
2012-04-28 08:02:38 UTC
"IlTrib"
Post by IlTrib
leggi qua
http://snipurl.com/239bls2 (agenziaentrate.it)
il punto 3.3.1
Come non detto...
Grazie, ciao.
--
carloazeglio
ponziopilato
2012-04-28 10:09:47 UTC
Post by Giulio
Hai ragione.
ma perdonami, è previsto un controllo dei codici fiscali in anagrafica tributaria?
io so che viene controllata l'esattezza formale dei codici fiscali, non se
esistano davvero oppure no.
Tra l'altro si potrebbe usare come giustificazione che il cliente ha
fornito una data di nascita e un luogo di nascita errati, non esistendo
l'obbligo di verifica del documento di identità del cliente.
che stress
ma scusa, generati il cf come hai detto e poi verifica su entratel se esiste
in banca dati..
ciao
Giulio
2012-04-30 08:31:06 UTC
Post by ponziopilato
ma scusa, generati il cf come hai detto e poi verifica su entratel se esiste
in banca dati..
ciao
a parte che dubito esista con data di nascita inserita a caso.
Ma comunque: ti pare corretto inserire il codice fiscale di un soggetto che magari non centra niente?!?
ponziopilato
2012-04-30 17:19:22 UTC
Post by Giulio
a parte che dubito esista con data di nascita inserita a caso.
più che altro magari corri il rischio di inserire il cf di una persona che
con quell'acquisto non c'entra nulla..
Post by Giulio
Ma comunque: ti pare corretto inserire il codice fiscale di un soggetto
che magari non centra niente?!?
no, in quanto lo spesometro influirà sul redditometro del possessore di
quel codice fiscale..
io non lo farei..
saluti
ghirmo
2012-04-30 18:40:32 UTC
Post by Giulio
Post by ponziopilato
ma scusa, generati il cf come hai detto e poi verifica su entratel se esiste
in banca dati..
ciao
a parte che dubito esista con data di nascita inserita a caso.
Ma comunque: ti pare corretto inserire il codice fiscale di un soggetto che
magari non centra niente?!?

infatti non è per niente corretto. ma a parte tutto questo, in caso di
vendita ad un privato, se non lo inserisci nello spesometro, quando mai se
ne accorgeranno? capisco ad una partita iva, ma ad un privato....
--
questo articolo e` stato inviato via web dal servizio gratuito
http://www.newsland.it/news segnala gli abusi ad ***@newsland.it
Giulio
2012-05-01 10:34:19 UTC
Post by ghirmo
infatti non è per niente corretto. ma a parte tutto questo, in caso di
vendita ad un privato, se non lo inserisci nello spesometro, quando mai se
ne accorgeranno? capisco ad una partita iva, ma ad un privato....
--
In caso di verifica fiscale in azienda se ne accorgo subito, purtroppo.

Ho ovviato in questo modo: codice fiscale "inventato" (ma formalmente corretto), ed ho detto al cliente di spedire raccomandate a tali soggetti dicendo che tale codice fiscale è stato da loro comunicato e di verificarne la correttezza (Scaricando quindi la responsabilità su di loro).

più di così.........

stiamo parlando di questioni burocratiche......
GiorgioB
2012-05-01 10:39:42 UTC
"Giulio" ha scritto nel messaggio news:23020535.1232.1335456936361.JavaMail.geo-discussion-***@vbqq1...

Scusate, per le vendite a privati dei quali non si riesce più a recuperare
il codice fiscale, come fate?

Io ho dato direttive di comunicarmi i codici fiscali. Se non ci sono o se
sono sbagliati non passo il tempo a inventarli.
Non lo inserisco e si scoppino.
Ciao
ponziopilato
2012-05-02 08:09:33 UTC
Post by Giulio
Ho ovviato in questo modo: codice fiscale "inventato" (ma formalmente
corretto), ed ho detto al cliente di spedire raccomandate a tali soggetti
dicendo che tale codice fiscale è stato da loro comunicato e di
verificarne la correttezza (Scaricando quindi la responsabilità su di
loro).
più di così.........
stiamo parlando di questioni burocratiche......
ma scusa ma così metti una spesa ai fini spesometro redditometro su una
persona che magari manco l'ha fatta e tutto pur di evitare una misera
sanzione per errata compilazione..
Acremone
2012-05-02 12:23:18 UTC
Post by ponziopilato
ma scusa ma così metti una spesa ai fini spesometro redditometro su una
persona che magari manco l'ha fatta e tutto pur di evitare una misera
sanzione per errata compilazione..
Vero. Tra l'altro il proprietario del codice fiscale probabilmente andrà
a protestare la sua estraneità all'agenzia delle entrate, per cui la
sanzione per chi ha fatto il file senza guardare in faccia a nessuno non
direi proprio che sia scongiurata.
Sempre rimanendo sulla teoria, l'errore sistematico del professionista
nel trasmettere i codici fiscali potrebbe configurare il dolo? D'altra
parte mi risulta che inventarsi codici fiscali sia un reato.
Certo che se si tratta di importi sotto i cento euro, allora finirà
tutto nella solita farsa.