Discussion:
Successione quota di Snc con immobili
(troppo vecchio per rispondere)
Luigi Siciliano
2012-07-18 15:47:27 UTC
Muore il socio di maggioranza di una snc che è proprietaria di un
immobile strumentale.

Nel predisporre la denuncia di successione c'entra in qualche modo
l'immobile?

Leggendo l'art. 25 del D.Lgs 346/1990 sembrerebbe di si ma come andrebbe
dichiarato, come se si trattasse di un immobile personale?

L'azienda è inattiva da qualche tempo per cui nessuno dei soci è
attualmente iscritto artigiano.

Per favore, qualcuno potrebbe chiarirmi le idee?

Grazie.
Conte Oliver
2012-07-18 16:18:07 UTC
On Wed, 18 Jul 2012 17:47:27 +0200, Luigi Siciliano
Post by Luigi Siciliano
Nel predisporre la denuncia di successione c'entra in qualche modo
l'immobile?
Leggendo l'art. 25 del D.Lgs 346/1990 sembrerebbe di si ma come andrebbe
dichiarato, come se si trattasse di un immobile personale?
Dichiari in successione la quota della snc, valutata tenendo conto del
valore reale dell'immobile.
--
Saluti
Conte Oliver
(togli le scarpe per mandarmi una mail)
Luigi Siciliano
2012-07-18 16:31:48 UTC
Post by Conte Oliver
On Wed, 18 Jul 2012 17:47:27 +0200, Luigi Siciliano
Post by Luigi Siciliano
Nel predisporre la denuncia di successione c'entra in qualche modo
l'immobile?
Leggendo l'art. 25 del D.Lgs 346/1990 sembrerebbe di si ma come andrebbe
dichiarato, come se si trattasse di un immobile personale?
Dichiari in successione la quota della snc, valutata tenendo conto del
valore reale dell'immobile.
Così stavo facendo ma, stamani, una funzionaria dell'ade, proveniente
dal vecchio "ufficio registro" e che ritenevo competente mi ha dissuaso
dal presentare la denuncia come la avevo predisposta (è stata
interpellata dall'impiegato dello sportello e quando è venuta e mi ha
chiesto se la società era proprietaria di immobili ha letto l'inizio del
4 comma dell'art. 25 e mi ha praticamente minacciato di accertamento
certo (scusa il bisticcio di parole) se presentavo la denuncia così
senza però volere assolutamente indicare come andrebbe predisposta).

Tra l'altro, se gli eredi si impegnano a proseguire l'attività per
almeno 5 anni, non c'è praticamente imposta di registro da pagare ai
sensi dell'art. 3, comma 4/Ter del D.Lgs 346/1990 per cui sono sempre
più confuso.
Conte Oliver
2012-07-18 16:44:24 UTC
On Wed, 18 Jul 2012 18:31:48 +0200, Luigi Siciliano
per cui sono sempre più confuso.
mah... o forse era confusa quella che ti ha risposto all'AdE... A
questo punto mi faccio da parte e aspetto anch'io chi ne sa di più; a
me pareva cosa così lineare...
--
Saluti
Conte Oliver
(togli le scarpe per mandarmi una mail)
Luigi Siciliano
2012-07-18 18:22:13 UTC
Post by Conte Oliver
On Wed, 18 Jul 2012 18:31:48 +0200, Luigi Siciliano
per cui sono sempre più confuso.
mah... o forse era confusa quella che ti ha risposto all'AdE... A
questo punto mi faccio da parte e aspetto anch'io chi ne sa di più; a
me pareva cosa così lineare...
Ho trovato che la legge finanziaria 2007 ha disposto il pagamento delle
imposte ipotecarie e catastali nei trasferimenti immobiliari o di
aziende dotate di immobili però se si richiede l'agevolazione ex art. 3
comma 4/ter del D.Lgs 346/90 non si paga ne l'imposta di registro ne le
imposte ipocatastali per i rimandi dei rispettivi art. 1 e 10 del D.Lgs
347/90.

A questo punto credo che nella denuncia di successione vada allegata la
visura catastale ed indicato il valore dell'immobile ma non verso nulla
comunque.

Qualcuno può confermate? Grazie.
Conte Oliver
2012-07-19 15:37:02 UTC
On Wed, 18 Jul 2012 20:22:13 +0200, Luigi Siciliano
Post by Luigi Siciliano
Ho trovato che la legge finanziaria 2007 ha disposto il pagamento delle
imposte ipotecarie e catastali nei trasferimenti immobiliari o di
aziende dotate di immobili
Qui non trasferisci né immobili né aziende con immobile; solo una
quota di una società; l'immobile è della società e tale resta.
Quindi imho la questione, checché ne dica quella dell'AdE, è la
valutazione della quota, da farsi tenendo conto del reale valore
dell'immobile.
Se poi a seguito del decesso la società dovesse sciogliersi, allora si
pagheranno le imposte sull'assegnazione ai soci del bene; ma finché la
snc resta in piedi l'immobile è suo, successione o no.
Ma prima di accusare una persona di abuso di alcool, specie se
funzionaria AdE, e non essendo una materia sulla quale sono
ferratissimo, aspetto chi ne sa più di me e magari mi smentisce...
--
Saluti
Conte Oliver
(togli le scarpe per mandarmi una mail)
Luigi Siciliano
2012-07-19 15:57:01 UTC
Post by Conte Oliver
On Wed, 18 Jul 2012 20:22:13 +0200, Luigi Siciliano
Post by Luigi Siciliano
Ho trovato che la legge finanziaria 2007 ha disposto il pagamento delle
imposte ipotecarie e catastali nei trasferimenti immobiliari o di
aziende dotate di immobili
Qui non trasferisci né immobili né aziende con immobile; solo una
quota di una società; l'immobile è della società e tale resta.
Mi sono espresso male, intendevo dire: nelle successioni nel cui attivo
ci sono aziende con immobili, infatti l'art. 25 del D.Lgs 346/1990 T.U.
Successioni al 4 comma recita:
4. Se nell'attivo ereditario sono compresi immobili o parti di
immobili adibiti all'esercizio dell'impresa, devoluti al coniuge o a
parenti in linea retta entro il terzo grado del defunto nell'ambito
di una impresa artigiana familiare, come definita dalla legge 8
agosto 1985, n. 443, e dall'art. 230- bis del codice civile,
l'imposta dovuta dall'erede o legatario al quale sono devoluti e'
ridotta dell'importo proporzionalmente corrispondente al quaranta per
cento della parte del loro valore complessivo non superiore a lire
duecentomilioni, a condizione che l'esistenza dell'impresa familiare
artigiana risulti dall'atto pubblico o dalla scrittura privata
autenticata di cui all'art. 5, comma 4, lettera a), del testo unico
delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della
Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.

Per questo la funzionaria dell'ade sosteneva l'accertamento.
Conte Oliver
2012-07-19 17:11:10 UTC
On Thu, 19 Jul 2012 17:57:01 +0200, Luigi Siciliano
Post by Luigi Siciliano
Mi sono espresso male, intendevo dire: nelle successioni nel cui attivo
ci sono aziende con immobili
Imho è qui che sbagli: nell'attivo di QUESTA successione non c'è
alcuna azienda con immobili; c'è una QUOTA di una SOCIETA'. L'azienda
è della società, viva e vegeta, non del de cuius!
Post by Luigi Siciliano
4. Se nell'attivo ereditario sono compresi immobili o parti di
immobili adibiti all'esercizio dell'impresa,
Continuo a non trovare tracce di quote di snc....
--
Saluti
Conte Oliver
(togli le scarpe per mandarmi una mail)
Luigi Siciliano
2012-07-19 17:22:10 UTC
Post by Conte Oliver
On Thu, 19 Jul 2012 17:57:01 +0200, Luigi Siciliano
Post by Luigi Siciliano
Mi sono espresso male, intendevo dire: nelle successioni nel cui attivo
ci sono aziende con immobili
Imho è qui che sbagli: nell'attivo di QUESTA successione non c'è
alcuna azienda con immobili; c'è una QUOTA di una SOCIETA'. L'azienda
è della società, viva e vegeta, non del de cuius!
Post by Luigi Siciliano
4. Se nell'attivo ereditario sono compresi immobili o parti di
immobili adibiti all'esercizio dell'impresa,
Continuo a non trovare tracce di quote di snc....
Anch'io, poi quando sono andato a leggere la definizione di "impresa
artigiana familiare" che fa la legge richiamata 443/1985 ho visto che
ricomprende anche le società sia di persone che srl unipersonali.

E la confusione resta ... aumenta :(
Flavia
2012-07-19 16:03:16 UTC
Post by Conte Oliver
On Wed, 18 Jul 2012 20:22:13 +0200, Luigi Siciliano
Qui non trasferisci né immobili né aziende con immobile; solo una
quota di una società; l'immobile è della società e tale resta.
Quindi imho la questione, checché ne dica quella dell'AdE, è la
valutazione della quota, da farsi tenendo conto del reale valore
dell'immobile.
se non erro, dei fare la successione utilizzando i puri valori di bilancio
e senza considerare l'avviamento.

Flavia
Luigi Siciliano
2012-07-19 16:23:23 UTC
Post by Flavia
se non erro, dei fare la successione utilizzando i puri valori di bilancio
e senza considerare l'avviamento.
E' quello che ho fatto io. Ma la funzionaria mi fuorvia (?) facendo
intendere alla necessità di versare le ipocatastali, tanto che nelle due
frasi scambiate chiedendole di farmi capire le ho fatto presente la
richiesta di agevolazione e lei è ritornata sulle ipocatastali,
dopodiché mi ha sfidato a presentare la dichiarazione e non ha più
voluto parlarne perché impegnata "anche nei giorni successivi"

ciao.
Conte Oliver
2012-07-19 17:12:11 UTC
On Thu, 19 Jul 2012 18:23:23 +0200, Luigi Siciliano
Post by Luigi Siciliano
E' quello che ho fatto io. Ma la funzionaria mi fuorvia (?) facendo
intendere alla necessità di versare le ipocatastali,
A questo punto confermo l'elevato tasso alcolemico della signora.
Post by Luigi Siciliano
dopodiché mi ha sfidato a presentare la dichiarazione
Sfida che raccoglierei a cuor leggero :-)
--
Saluti
Conte Oliver
(togli le scarpe per mandarmi una mail)
Luigi Siciliano
2012-07-19 17:25:32 UTC
Post by Conte Oliver
On Thu, 19 Jul 2012 18:23:23 +0200, Luigi Siciliano
Post by Luigi Siciliano
E' quello che ho fatto io. Ma la funzionaria mi fuorvia (?) facendo
intendere alla necessità di versare le ipocatastali,
A questo punto confermo l'elevato tasso alcolemico della signora.
Post by Luigi Siciliano
dopodiché mi ha sfidato a presentare la dichiarazione
Sfida che raccoglierei a cuor leggero :-)
Sono tentato ma, poiché la società attualmente non è proprio attiva
attiva ma i soci si impegnano formalmente a continuarla per i prossimi 5
anni, vorrei rischiare il meno possibile.
Luigi Siciliano
2012-07-24 10:40:11 UTC
Post by Conte Oliver
A questo punto confermo l'elevato tasso alcolemico della signora.
Oggi ho potuto parlare con un altro impiegato dell'ade che mi ha
confermato la correttezza della dichiarazione per come l'avevo predisposta.

L'appunto che mi fa è quello di ristampare la situazione patrimoniale
perché io avevo stampato la situazione dal programma di contabilità e
poi ho messo come valore della quota un valore diverso (più alto)
rispetto al patrimonio netto da contabilità.

Che ne dite? Grazie.
danielik
2013-10-16 15:30:07 UTC
Post by Luigi Siciliano
Post by Conte Oliver
A questo punto confermo l'elevato tasso alcolemico della signora.
Oggi ho potuto parlare con un altro impiegato dell'ade che mi ha
confermato la correttezza della dichiarazione per come l'avevo predisposta.
L'appunto che mi fa � quello di ristampare la situazione patrimoniale
perch� io avevo stampato la situazione dal programma di contabilit� e
poi ho messo come valore della quota un valore diverso (pi� alto)
rispetto al patrimonio netto da contabilit�.
Che ne dite? Grazie.
Ciao Luigi, alla fine come hai completato la pratica? perché io mi ritrovo nella tua stessa situazione ossia una snc con immobile e e devo effettuare la successione della quota.
In attesa di un tuo riscontro.
Ti ringrazio.
Daniela
Luigi Siciliano
2013-10-16 16:10:28 UTC
Post by danielik
Ciao Luigi, alla fine come hai completato la pratica? perché io mi ritrovo nella tua stessa situazione ossia una snc con immobile e e devo effettuare la successione della quota.
Ho predisposto un prospetto di stato patrimoniale con i valori contabili
alla data del decesso che ho allegato alla denuncia di successione
insieme alla dichiarazione di voler continuare l'attività per i prossimi
5 anni.

Ho solo variato un po i valori dei cespiti in modo da indicare gli
eventuali valori di realizzo in caso di vendita degli stessi (nel mio
caso c'erano cespiti totalmente ammortizzati ma che in caso di vendita
avrebbero avuto un minimo di valore).

Il prospetto è del tipo:
ATTIVITÀ PASSIVITÀ
Immobilizzi Debiti Vs Banche
Immobili Debiti vs Fornitori
Macchinari Altri Debiti
Attrezzatura
Mobili ed arredi PATRIMONIO NETTO
Hardware IT

ATTIVO CIRCOLANTE
Merci
Crediti diversi
Disponibilità Liquide

TOTALE ATTIVITÀ TOTALE A PAREGGIO

La quota societaria corrisponde alla percentuale del patrimonio netto
indicato sul prospetto.

l'unico versamento effettuato in sede di successione è stato l'importo
corrispondente ai tributi speciali € 32,20.

Fin'ora non hanno ricevuto alcun accertamento.

Ciao.