Discussion:
inarcassa
(troppo vecchio per rispondere)
Stefano
2007-08-28 15:11:21 UTC
salve,
vorrei sapere per un architetto iscritto ad inarcassa nel 2006, ma poi
cancellato in quanto ha avuto una supplenza annuale a scuola fino al 30
giugno 2007 ( sarà richiamato di nuovo a settembre)deve:
1) reiscriversi alla cassa per luglio e agosto;
2)versare volontariamente all'inps i contributi per i suddetti mesi, senza
reiscriversi alla cassa.
grazie

--------------------------------
Inviato via http://arianna.libero.it/usenet/
Ivan Cangini
2007-08-29 11:29:09 UTC
Post by Stefano
salve,
vorrei sapere per un architetto iscritto ad inarcassa nel 2006, ma poi
cancellato in quanto ha avuto una supplenza annuale a scuola fino al 30
1) reiscriversi alla cassa per luglio e agosto;
2)versare volontariamente all'inps i contributi per i suddetti mesi, senza
reiscriversi alla cassa.
grazie
--------------------------------
Inviato viahttp://arianna.libero.it/usenet/
attenzione.
Anche io ho clienti in questa situazione con P.Iva aperta.
Se non è cambiato recentemente qualcosa l'Inarcassa prevede che basta
si svolga l'attività anche per un sol giorno nell'anno e ci si deve
iscrivere (all'Inarcassa).
I contributi previdenziali saranno poi così determinati:
-quando si svolge l'attività da professore è la scuola che versa i
contributi all'INPS;
- il contributo all'Inarcassa è determinato sulla base del reddito da
lavoratore autonomo prodotto nell'anno (ndr salvo i minimi previsti)
h***@libero.it
2007-08-29 13:14:52 UTC
On Wed, 29 Aug 2007 04:29:09 -0700, Ivan Cangini
Post by Ivan Cangini
attenzione.
Anche io ho clienti in questa situazione con P.Iva aperta.
Se non è cambiato recentemente qualcosa l'Inarcassa prevede che basta
si svolga l'attività anche per un sol giorno nell'anno e ci si deve
iscrivere (all'Inarcassa).
-quando si svolge l'attività da professore è la scuola che versa i
contributi all'INPS;
se si tratta di scuola pubblica i versamenti contributivi non vanno
all'INPS ma all'INPDAP.

Secondo me è meglio essere iscritti inarcassa e versare il contributo
a loro piuttosto che il 18% alla gestione separata inps.

Henry
***@libero.it
sntf
2007-08-30 07:37:22 UTC
Post by h***@libero.it
Secondo me è meglio essere iscritti inarcassa e versare il contributo
a loro piuttosto che il 18% alla gestione separata inps.
non puoi scegliere: se iscritto al latra forma di previdenza obbligatoria, semplicemente non devi pagare il soggettivo
ad inarcassa (e se lo fai, ai fini pensionistici poi non ne terranno conto!). è l'unica cassa privata che ha
quest'inutile complicazione, tant'è che devi specificare tutti i periodi in cui l'ing. è soggetto ad altra contribuzione
obbligatoria e inviare il modulo "non iscritti"; il paradosso si ha quando vi sono periodi con inarcassa insieme ad
altri con inps (o altre) e tutto diventa complicatissimo
ti consiglio la lettura dell'articolo 7, comma 2, dello statuto inarcassa e anche una telefonata al loro call center

saluti

--
sntf
sntf AT czg.it
Ivan Cangini
2007-08-30 09:00:31 UTC
Post by sntf
Post by h***@libero.it
Secondo me è meglio essere iscritti inarcassa e versare il contributo
a loro piuttosto che il 18% alla gestione separata inps.
non puoi scegliere: se iscritto al latra forma di previdenza obbligatoria, semplicemente non devi pagare il soggettivo
ad inarcassa (e se lo fai, ai fini pensionistici poi non ne terranno conto!). è l'unica cassa privata che ha
quest'inutile complicazione, tant'è che devi specificare tutti i periodi in cui l'ing. è soggetto ad altra contribuzione
obbligatoria e inviare il modulo "non iscritti"; il paradosso si ha quando vi sono periodi con inarcassa insieme ad
altri con inps (o altre) e tutto diventa complicatissimo
ti consiglio la lettura dell'articolo 7, comma 2, dello statuto inarcassa e anche una telefonata al loro call center
saluti
--
sntf
sntf AT czg.it
Giusta la precisazione di HENRY per i versamenti all' INPDAP, mio
piccolo lapsus.
Per il resto concordo con SNTF ma preciso che l'eventuale reddito
conseguito nell'anno deve essere assogettato all'Inarcassa e nessun
problema con L' INPS perchè:
- anche un solo giorno di attività richiede l'iscrizione Inarcassa;
- l'INPS , gestione separata, sottopone a contribuzione i redditi che
non hanno altra copertura previdenziale (ma questi hanno l'Inarcassa
come detto al punto precedente).
Nulla di complicato. Ammetto tuttavia che quando ho cercato di capire
come funzionava ho chiamato call center Inarcassa e tre !!!! INPS
diverse perchè avevano idee poco poco pochissimo chiare
effeemmebike
2007-09-01 17:47:51 UTC
Scusate, io sono + o - nella stessa situazione :
- docente a tempo determinato dal 15 settembre al 30 giugno dell'anno
successivo (è così ogni anno)
- sto per aprire una p.iva come ingegnere libero professionista.
- al call centr di inarcassa mi è stato detto che pagherò i contributi
inarcassa (oltre al 2% fisso su ogni parcella di rivalsa inarcassa) soltanto
per i mesi in cui sono obbligato a iscrivermi, quindi da 2 mesi e mezzo. Ciò
vuol dire che su un reddito imponibile di 10000 annuo, pagherei il 10%
rapportato sui mesi in cui sono iscritto a inarcassa, cioè 10000*10%*2,5/12
come contributi inarcassa.

La mia domanda è questa: alla gestione separata inps devo versare il 16% del
reddito rapportato ai restanti mesi oppure nulla essendo già titolare di
previdenza con la scuola nei mesi in cui non sono iscritto a inarcassa?

Ho ricevuto sempre risposte diverse e non so proprio come regolarmi!!! Chi
mi sa dire qualcosa di definitivo?
Ivan Cangini
2007-09-04 07:30:25 UTC
Post by effeemmebike
- docente a tempo determinato dal 15 settembre al 30 giugno dell'anno
successivo (è così ogni anno)
- sto per aprire una p.iva come ingegnere libero professionista.
- al call centr di inarcassa mi è stato detto che pagherò i contributi
inarcassa (oltre al 2% fisso su ogni parcella di rivalsa inarcassa) soltanto
per i mesi in cui sono obbligato a iscrivermi, quindi da 2 mesi e mezzo. Ciò
vuol dire che su un reddito imponibile di 10000 annuo, pagherei il 10%
rapportato sui mesi in cui sono iscritto a inarcassa, cioè 10000*10%*2,5/12
come contributi inarcassa.
La mia domanda è questa: alla gestione separata inps devo versare il 16% del
reddito rapportato ai restanti mesi oppure nulla essendo già titolare di
previdenza con la scuola nei mesi in cui non sono iscritto a inarcassa?
Ho ricevuto sempre risposte diverse e non so proprio come regolarmi!!! Chi
mi sa dire qualcosa di definitivo?
La risposta te l'ho già data sempre in questo newsgroup in data 29
agosto, leggi sopra (unica precisazione suggerita dai colleghi è che
avevo indicato INPS anzichè INPDAP)
So che il call center Inarcassa risponde sempre con "eccesso di
certezza": peccato che, approfondendo con loro, dimostrino di non
conoscere bene gli altri regimi previdenziali
sntf
2007-09-11 15:43:05 UTC
Post by Ivan Cangini
Per il resto concordo con SNTF ma preciso che l'eventuale reddito
conseguito nell'anno deve essere assogettato all'Inarcassa e nessun
- anche un solo giorno di attività richiede l'iscrizione Inarcassa;
- l'INPS , gestione separata, sottopone a contribuzione i redditi che
non hanno altra copertura previdenziale (ma questi hanno l'Inarcassa
come detto al punto precedente).
permettimi di dissentire. l'articolo 7, comma 2, dello statuto inarcassa impone all'ingegnere libero professionista che
sia già iscritto ad altra cassa lo status di iscritto (si basa tutto sulla nozione di "continuità"). se quindi sei
iscritto all'inpdap o inps o altra cassa di settore, non hai copertura inracassa, tant'è che non versi il contributo
soggettivo (se versato, non concorre alla formazione del montante contributivo utile ai fini pensionistici)

se quindi l'ingegnere professionista è iscritto ad una cassa pubblica di vario tipo per altri obblighi contributivi,
come nel caso del supplente, non deve versare il soggettivo ad inarcassa (riscuote e paga invece la rivlasa
dell'integrativo, tanto che l'anno successivo invia il modello apposito per i "non iscritti" evidenziando solo il volume
d'affari). con queste premesse, ai fini dell'inps gestione separata, risulta non iscritto ad inarcassa ed è quindi
dovuto il versamento con l'aliquota 16% (perchè iscritto all'inpdap, inps o altro)

se sei convinto del contrario, puoi tentare un contenzioso con l'inps, ma temo che sarà problematico e proprio per la
descrizione stessa fornita nello statuto inarcassa

saluti

--
sntf
sntf AT czg.it